Archivio per Categoria Benessere

Il ricatto emotivo: come riconoscerlo e uscirne?

Il ricatto emotivo è un comportamento manipolativo in cui una persona cerca di ottenere ciò che vuole minacciando o manipolando le emozioni di un’altra persona. Leggi tutto

Quando i genitori si separano: come tutelare il benessere psicologico dei figli?

Quando i genitori si separano: come tutelare il benessere psicologico dei figli? E’ obiettivo di tutti i genitori che desiderano una crescita la più serena possibile per i propri bambini. Leggi tutto

Non separarsi per il bene dei figli: è un bene per i bambini?

Non separarsi per il bene dei figli sembra evitare l’impatto acuto della separazione dei genitori sul benessere psicologico e emotivo dei bambini coinvolti. I bambini spesso si trovano a dover affrontare l’instabilità emotiva, il senso di perdita, la confusione e l’ansia derivante dalla separazione dei loro genitori. Questi fattori possono contribuire a un senso di abbandono, insicurezza e difficoltà nel comprendere e gestire le proprie emozioni. Leggi tutto

Io sono ipocondriaco? Come gestire le paure per la salute

L’ipocondriaco interpreta normali sensazioni fisiologiche del corpo come sintomi di patologia organica importante, spaventandosi. Leggi tutto

Somatizzare: come gestire i disturbi psicosomatici

La connessione mente (psiche) – corpo (soma) è la premessa per la comprensione e successiva gestione del fenomeno del somatizzare e dei disturbi psicosomatici.

Leggi tutto

Dipendenza dal lavoro o workaholism: come affrontarla

La dipendenza dal lavoro è definita dall’associazione di comportamenti lavorativi volontariamente eccessivi in termini di ore e carico con una compulsione del soggetto in tale direzione. Leggi tutto

Manipolazione psicologica o gaslighting: come difendersi

La manipolazione psicologica o gaslighting induce a dubitare dei pensieri, percezioni ed emozioni per imporre la visione della realtà e volontà di chi l’agisce.

Leggi tutto

Il lutto patologico: quando il lutto non è elaborato

Il lutto patologico o complicato o cronico o non risolto è la sofferenza, che rimane persistente nel tempo oltre ai 12 mesi dalla perdita: in primis la morte, anche le rotture affettive (la fine di una relazione, l’abbandono), soprattutto se non per nostra volontà, i cambiamenti che investono l’identità come il pensionamento o il licenziamento (la perdita di un ruolo produttivo). Il vissuto di disperazione, la mancanza di motivazione, la non accettazione della scomparsa, il non adattamento alla nuova condizione, i pensieri ricorrenti sul lutto, la compromissione nel funzionamento lavorativo o scolastico e sociale caratterizzano questa condizione.

Leggi tutto

Elaborazione del lutto: come superare la perdita

Il lutto è la sofferenza legata ad una perdita: in primis la morte, anche le rotture affettive (la fine di una relazione, l’abbandono), soprattutto se non per nostra volontà, i cambiamenti che investono l’identità come il pensionamento o il licenziamento (la perdita di un ruolo produttivo). Il lutto letteralmente lo possiamo definire come il sentimento di profondo dolore che si prova per la morte di persona cara, che si manifesta anche attraverso usanze e tradizioni differenti nelle varie società.

Leggi tutto

L’altruismo patologico: perché e come uscirne

L’altruismo patologico in sintesi è sacrificarsi in modo compulsivo e continuativo, ed è differente dall’altruismo in senso letterale: l’amore verso il prossimo, l’atteggiamento di chi orienta la sua opera verso il fine di trovare il bene proprio nel bene altrui. L’altruismo patologico caratterizza le dipendenze affettive, le relazioni tra pari senza reciprocità sentimentali, amicali, familiari, a volte anche professionali.

Leggi tutto